English Arabic Chinese (Traditional) French German Italian Japanese Portuguese Russian Spanish Swedish
"I will not have any primary responsibility, I'll be part of the team and try to influence him in a positive direction" - Stefan Edberg about coaching Roger Federer. Read the interview

La strada spianata di Edberg. Lendl, caduta inevitabile

Un articolo da: La Gazzetta dello Sport
di Rino Tommasi

LONDRA. Forse due turni non sono abbastanza per aggiornare in modo credibile le considerazioni ed i pronostici della vigilia ma, fermo restando che non si vede chi possa togliere il 5° titolo a Steffi Graf, gli incontri maschili ci hanno ricordato che l'erba ammette eccezioni (le più clamorose sono state quelle di Borg e, nel '92, quella di Agassi) ma concede più spesso i suoi favori agli specialisti.

Per uno Stich che si è complicato la vita contro l'australiano Stolle, si è visto, contro Goellner e contro Volkov, il miglior Becker della stagione, ed un Edberg in buona salute.

Ieri lo svedese ha liquidato in 3 set l'israeliano Mansdorf, da lui sempre battuto in 7 incontri ma spesso capace di creargli problemi. In particolare si ricorda un incontro, giocato proprio qui nel 1990, nel quale prima di vincere 9-7 al quinto, Edberg è stato a due punti dalla sconfitta.

Nemmeno l'ultimo confronto diretto (quest'anno a Melbourne), era stato facile perché Edberg aveva dovuto chiudere il 4° set al tie-break.

Qualcuno aveva espresso dubbi sulle condizioni di Edberg per la fatica compiuta per liberarsi al 1° turno del giovane Rusedski, contro il quale Stefan era stato trascinato tre volte al tie-break, perdendone uno, nel terzo set, dopo avere avuto unmatch-point.

Non credo di esagerare affermando che questo Rusedski mi è sembrato particolarmente attrezzato per questi campi. E' mancino, serve bene e nel suo giovane record c'è una vittoria in un challenger giocato a Newcastle sull'erba ed un titolo nel doppio juniores, conquistato proprio qui a Wimbledon.

Ieri, contro Mansdorf, Edberg ha perduto tre servizi ma ha giocato bene in ribattuta concedendosi alcune prodezze di grandissima qualità.

A questo punto il percorso di Edberg, almeno fino alla semifinale, è abbastanza agevole se si considera che dalla sua parte sono uscite tutte e tre le altre teste di serie. Muster era stato eliminato al primo turno, Lendl e Medvedev hanno perduto ieri, uno perché troppo vecchio, l'altro perché troppo giovane.

Va ricordato che Becker e Edberg hanno la miglior percentuale di vittorie rispetto agli incontri giocati qui a Wimbledon tra i giocatori in attività. Becker, tre vittorie e tre finali su nove partecipazioni, esibisce 48 vittorie e solo sei sconfitte (88,8%), Edberg conta 43 vittorie e 8 sconfitte su dieci partecipazioni (84,3%).

Il bilancio è dunque favorevole a Becker. Edberg è in vantaggio solo nei confronti diretti, tutti giocati in finale: lo svedese ha vinto nel 1988 e nel 1990, il tedesco nel 1989.

Sarebbe una bella finale anche quest'anno, ma la strada è davvero ancora molto lunga.

La strada spianata di Edberg. Lendl, caduta inevitabile